Tutto quello che c’è da sapere sulla bioplastica

plastica monouso

La bioplastica, è un’alternativa alla plastica monouso. Sostituisce ad esempio cannucce, posate, piatti, bicchieri ecc.. Le Bioplastiche essendo plastica biodegradabile o compostabile risolve il problema inquinamento.

Man mano, che sempre più ricerche vengono alla luce sugli effetti dell’uso di troppa plastica, consumatori e produttori, allo stesso modo stanno cercando un’alternativa a questo materiale onnipresente. La plastica biodegradabile e la plastica compostabile, stanno emergendo come possibile alternativa alla plastica monouso.

Com’è fatta la bioplastica? Differenza tra plastica compostabile e plastica biodegradabile.

Storia della bioplastica

La prima bioplastica, fu scoperta nel 1926 da un ricercatore francese, Maurice Lemoigne. Dal suo lavoro con il batterio bacillus megaterium. L’importanza della scoperta di Lemoigne, è stata ignorata per molti decenni perché, all’epoca, il petrolio era economico e abbondante.

Nel 1970, la crisi petrolifera riportò l’interesse per la ricerca di alternative rinnovabili. Oggi, con la crescente consapevolezza ambientale, la ricerca sulle bioplastiche ha tutto per espandere il mercato.

Una delle materie prime per la produzione di questo tipo di plastica, è la canna da zucchero. Il Brasile gioca un ruolo importante in questo mercato, essendo il più grande produttore mondiale.

Bioplastica o Plastica biodegradabile?

Bioplastica:  Plastica prodotta da fonti rinnovabili, come canna da zucchero, mais, patate e barbabietole.

Plastica Biodegradabile: quando si degrada genera acqua, CO 2 e biomassa.

Cos’è la bioplastica?

La bioplastica, si riferisce alla plastica prodotta da piante o altri materiali biologici anziché dal petrolio. Viene spesso definita plastica a base biologica.

Può essere costituità da acidi polilattici (PLA), presenti in piante come mais e canna da zucchero, o da poliidrossialcanoati (PHA) prodotti da microrganismi. Il PLA, è comunemente usato negli imballaggi alimentari. Il PHA, nei dispositivi medici come suture e cerotti cardiovascolari.

Poiché il PLA, proviene dalle stesse grandi strutture industriali che producono prodotti come l’etanolo, è la fonte più economica di bioplastica. Il PLA è il tipo più comune, viene utilizzato anche in bottiglie di plastica, posate e tessuti.

Le bioplastiche, o biopolimeri, non sono solo plastiche biodegradabili e compostabili realizzate con materiali naturali. Il nome bioplastica, si riferisce anche alle plastiche ottenute da fonti non rinnovabili. Come ad esempio il petrolio,  differenti invece le plastiche ottenute da fonti rinnovabili, come le piante, che sono biodegradabili.

Consideriamo che tutta la plastica prodotta dall’umanità, esiste ancora e che ogni anno, circa un terzo della plastica prodotta, inquina direttamente: la terra, gli oceani ed entra nella catena alimentare. Le bioplastiche, soprattutto quelle biodegradabili, si sono rivelate un’alternativa per lo sviluppo dell’umanità.

Tipi di bioplastica

Bioplastica in polibutilentereftalato adipato (PBAT)

Il polibutilene adipato tereftalato, chiamato anche “poliburato”, è uno dei tipi di bioplastiche prodotte dal petrolio, ma che è biodegradabile e compostabile. Le sue proprietà, consentono al poliburato di sostituire il polietilene a bassa densità. Una plastica a base di petrolio biodegradabile.

La bioplastica in poliburato può essere utilizzata principalmente nella produzione di borse.

Bioplastica in polibutilenesuccinato (PBS).

Il polibutilenesuccinato (PBS), è un tipo di bioplastica che può essere al 100% a base biologica e biodegradabile in condizioni industriali. Questo tipo di bioplastica, viene normalmente utilizzato negli utensili. Questi devono essere in grado di sopportare temperature elevate (da 100ºC a 200ºC).

È una bioplastica cristallina e flessibile. L’acido succinico, la base biologica della produzione di PBS, è prodotto da fonti rinnovabili e aiuta a ridurre l’impronta di carbonio. I calcoli mostrano che le emissioni di gas serra (GHG), possono essere ridotte dal 50% all’80% rispetto alla plastica di origine fossile. L’acido succinico ha anche il vantaggio di catturare la CO2 .

Bioplastica con acido polilattico (PLA).

L’acido polilattico (PLA), è una bioplastica prodotta dai batteri. Nel processo, producono acido lattico attraverso il processo di fermentazione di verdure amidacee come barbabietole, mais e manioca (tra gli altri).

Le bioplastiche PLA, possono essere utilizzate negli imballaggi alimentari, packaging cosmetico, buste da mercato in plastica, flaconi, penne, bicchieri, coperchi, posate, vasetti, bicchieri, vassoi, piatti, pellicole per la produzione di tubi, filamenti per stampa 3D, dispositivi medicali, non tessuti, tra gli altri.

bioplastiche

Il PLA è biodegradabile, riciclabile meccanicamente e chimicamente, biocompatibile e bioriassorbibile. Rispetto alle tradizionali plastiche petrolifere, come il polistirene (PS) e il polietilene (PE), che impiegano dai 500 ai 1000 anni per degradarsi, il PLA guadagna a passi da gigante. Questo perché il suo degrado impiega dai sei mesi ai due anni per avvenire. E quando viene smaltito correttamente, si trasforma in una sostanza innocua, perché facilmente degradabile dall’acqua.

Svantaggi del PLA

Lo svantaggio, è che il PLA è una plastica di produzione costosa e il suo compostaggio avviene solo in condizioni ideali. Un altro problema, è che le normative americane e brasiliane consentono la miscelazione del PLA con altri tipi di plastica non biodegradabile. Pur migliorando le loro qualità in termini di utilizzo, questa danneggia l’ambiente.

Plastica PLA: opzione biodegradabile e compostabile

Ma non possiamo confonderlo con l’amido plastico, noto come amido termoplastico, perché nel processo di produzione del PLA, l’amido viene utilizzato semplicemente per arrivare all’acido lattico. A differenza della plastica a base di amido termoplastico, che ha l’amido come materia prima principale.

Di questi due tipi, il PLA è vantaggioso perché è più resistente e sembra più una plastica normale, oltre ad essere plastica biodegradabile al 100% (se si hanno le condizioni ideali).

Bioplastica ricavata dalle alghe

Nella produzione di biomassa di alghe per lo sviluppo della bioplastica, viene effettuata la creazione combinata di pesce (per il consumo) e alghe. I vantaggi di queste tipologie di bioplastiche, sono la loro possibilità di biodegradabilità, origine da fonte rinnovabile, basso costo di produzione e non concorrenza con i seminativi.

Bioplastica con guscio di gambero

I gusci di gamberi, che sono un importante prodotto di scarto nell’industria alimentare, vengono utilizzati per lo sviluppo di bioplastiche.

plastica compostabile

L’idea è quella di utilizzare questo tipo di bioplastica per la produzione di shopper e packaging alimentare.

Oltre ad essere una fonte rinnovabile, questo tipo di bioplastica è biodegradabile, riutilizza i rifiuti industriali e ha anche proprietà antimicrobiche, antibatteriche e biocompatibili, il che è un vantaggio per il confezionamento di alimenti e farmaci.

Bioplastica poliidrossialcanoato (PHA).

Le bioplastiche di poliidrossialcanoato (PHA) possono essere prodotte in diversi modi da specifici ceppi di batteri. Nel primo caso, i batteri sono esposti a un apporto limitato di nutrienti essenziali come ossigeno e azoto, che favoriscono la crescita di PHA – granuli di plastica – all’interno delle loro cellule come riserve di cibo ed energia.

Piante, petrolio e lotta per la sicurezza alimentare

Circa l’8% del petrolio mondiale viene utilizzato per produrre plastica e i sostenitori delle bioplastiche spesso propongono di ridurre questo uso come un grande vantaggio.

Questa argomentazione si basa sull’idea che se un oggetto di plastica non rilascia carbonio quando viene scartato, le bioplastiche aggiungeranno meno carbonio all’atmosfera quando si degradano, perché essenzialmente restituiscono il carbonio che le piante hanno assorbito durante la crescita (invece di rilasciare carbonio che era intrappolato sotto forma di petrolio greggio).

Il problema con le bioplastiche prodotte dai biocarburanti è che occupano terreni che potrebbero essere utilizzati per la produzione alimentare e non sono ancora biodegradabili.

La bioplastica è la soluzione?

Uno studio ha scoperto che le bioplastiche contengono tante sostanze chimiche tossiche quante sono le plastiche convenzionali. Come d’altronde le plastiche monouso.

La ricerca è stata condotta da scienziati dell’Università tedesca di Goethe ed è descritta come la più grande ricerca fino ad oggi sul contenuto chimico delle bioplastiche.

plastica biodegradabile compostabile

Il lavoro si è concentrato su 43 diversi tipi di bioplastiche, come bottiglie per bevande, tappi per vino e posate usa e getta, con il team che ha scoperto che la stragrande maggioranza di questi articoli conteneva migliaia di sostanze chimiche diverse.

Le bioplastiche contengono sostanze tossiche?

“L’ottanta per cento dei prodotti conteneva più di 1.000 sostanze chimiche diverse”, ha affermato Martin Wagner dell’Università norvegese di scienza e tecnologia e coautore dello studio. “Alcuni di loro arrivano fino a 20.000 sostanze chimiche”.

Si è scoperto che le bioplastiche a base di cellulosa e amido contengono la maggior parte delle sostanze chimiche e hanno anche innescato le reazioni tossiche più forti nei test di laboratorio in vitro, come confermato dai biologici e dalla spettrometria di massa. Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che le caratteristiche di queste bioplastiche sono alla pari con le plastiche ordinarie in termini di tossicità.

Come si decompongono le bioplastiche?

Inoltre, se finiscono nelle discariche, le bioplastiche si decompongono con la materia organica e altri tipi di rifiuti. La decomposizione della sostanza organica esistente nella massa dei rifiuti smaltiti nella discarica sanitaria produce una notevole quantità di percolato e biogas, ricco di metano (CH4) .

Il principale effetto negativo del metano sull’ambiente è il suo contributo allo squilibrio dell’effetto serra, contribuendo al riscaldamento globale. Se inalato in grandi quantità, il gas può anche causare soffocamento e perdita di coscienza, arresto cardiaco e, in casi estremi, danni al sistema nervoso centrale.

Il compostaggio genera molti vantaggi per l’ambiente e la salute pubblica, sia applicato in aree urbane che rurali. Il principale è che, nel processo di decomposizione, si verifica la formazione di acqua, percolato non tossico e biomassa (humus). Tuttavia, per essere efficace su larga scala è necessario un sistema adeguato.

La soluzione è attuare un consumo sostenibile

Pertanto, affinché una società si sviluppi sulla falsariga della sostenibilità, è necessario ripensare i consumi, soprattutto dovuti alla plastica monouso. Inoltre, è necessario aumentare il riutilizzo e il riciclaggio delle materie plastiche in modo che rimangano nell’ambiente per meno tempo. Queste azioni sono in linea con quanto predica l’economia circolare.

Per ridurre i rifiuti di plastica consumati, il primo passo è praticare un consumo consapevole, ovvero ripensare e ridurne il consumo. Hai mai pensato a quante plastiche superflue utilizziamo nella vita di tutti i giorni che potrebbero essere evitate?

Quando invece non è possibile evitare il consumo, la soluzione è optare per un consumo più sostenibile possibile e per il riutilizzo e/o il riciclaggio. Ma non tutto è riutilizzabile o riciclabile. In questo caso è importante smaltire correttamente.



Lascia un commento

Your email address will not be published.