L’aumento del livello dei mari è ormai inevitabile

aumento del livello dei mari

Lo scioglimento dei ghiacciai sta provocando l’aumento del livello dei mari, scopriamo di quanto sarà l’innalzamento del mare nei prossimi anni. Dal 1979, gli scienziati di tutto il mondo hanno monitorato lo stato delle principali masse di ghiaccio del pianeta.

Si prevede un aumento del livello dei mari di 30 centimetri entro il 2050, indipendentemente da quanto le emissioni globali di carbonio possano essere ridotte.

I ghiacciai si stanno sciogliendo e il livello del mare aumenterà. Scopriamo di quanto si innalzeranno i mari, quali sono le cause e le conseguenze.

Perché i ghiacciai si stanno sciogliendo?

Mentre gli esseri umani continuano a versare gas serra nell’atmosfera, gli oceani hanno mitigato l’effetto. I mari del mondo hanno assorbito più del 90% del calore di questi gas, ma questo sta mettendo a dura prova i nostri oceani: il 2021 ha stabilito un nuovo record per il riscaldamento degli oceani.

L’innalzamento dei mari è uno di quegli effetti del cambiamento climatico. Il livello medio del mare si è gonfiato di oltre 23 cm dal 1880, con circa 7 centimetri guadagnati negli ultimi 25 anni. Ogni anno, il mare si alza di altri 3,2 mm. Una nuova ricerca pubblicata il 15 febbraio 2022 mostra che l’innalzamento del livello del mare sta accelerando e si prevede un aumento del livello dei mari di 30 centimetri entro il 2050.

Ciò si traduce in un aumento del livello dei mari nei prossimi 30 anni tanto quanto è avvenuto nel secolo scorso, secondo gli ultimi dati tecnici della National Oceanic and Atmospheric Administration, che aggiorna le proiezioni del 2017 con le stime più precise finora.

L’aumento del livello dei mari è legato a tre fattori primari, tutti indotti dal cambiamento climatico globale in corso:

Espansione termica

Quando l’acqua si riscalda, si espande. Circa la metà dell’innalzamento del livello del mare negli ultimi 25 anni è attribuibile agli oceani più caldi che occupano semplicemente più spazio.

Scioglimento dei ghiacciai

Grandi formazioni di ghiaccio come i ghiacciai di montagna si sciolgono naturalmente un po’ ogni estate. In inverno, le nevicate, principalmente da acqua di mare evaporata, sono generalmente sufficienti per bilanciare lo scioglimento. Di recente, tuttavia, le temperature costantemente più elevate causate dal riscaldamento globale hanno portato a uno scioglimento estivo superiore alla media e a una diminuzione delle nevicate a causa degli inverni tardivi e delle primavere anticipate. Ciò crea uno squilibrio tra il deflusso e l’evaporazione dell’oceano, causando l’innalzamento del livello del mare.

Perdita delle calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide

Come per i ghiacciai di montagna, l’aumento del calore sta causando un rapido scioglimento dei ghiacciai che coprono la Groenlandia e l’Antartide. Gli scienziati ritengono inoltre che l’acqua di disgelo dall’alto e l’acqua di mare dal basso penetrino sotto le calotte glaciali della Groenlandia. Queste lubrificano efficacemente i flussi di ghiaccio e facendoli spostare più rapidamente nel mare. Mentre lo scioglimento nell’Antartide occidentale ha attirato l’attenzione degli scienziati, in particolare con la rottura del 2017 nella piattaforma di ghiaccio Larsen C, anche i ghiacciai dell’Antartide orientale stanno mostrando segni di destabilizzazione.

scioglimento ghiacciai

Conseguenze

Anche un piccolo aumento del livello dei mari può avere effetti devastanti sugli habitat costieri più all’interno, può causare erosione distruttiva, inondazioni delle zone umide, contaminazione delle falde acquifere e del suolo agricolo con sale e habitat perduto per pesci, uccelli e piante.

I livelli del mare più elevati coincidono con uragani e tifoni più pericolosi che si muovono più lentamente e fanno cadere più pioggia, contribuendo a mareggiate più potenti che possono strappare via tutto sul loro cammino. Uno studio ha rilevato che tra il 1963 e il 2012, quasi la metà di tutte le morti per uragani atlantici sono state causate da mareggiate.

Le inondazioni nelle zone costiere basse stanno già costringendo le persone a migrare verso terreni più alti e altri milioni di persone sono vulnerabili al rischio di inondazioni e ad altri effetti del cambiamento climatico. La prospettiva di livelli più elevati delle acque costiere minaccia i servizi di base come l’accesso a Internet, poiché gran parte delle infrastrutture di comunicazione sottostanti si trova sul percorso dell’innalzamento dei mari.

Adattarsi alla minaccia

A causa di questi rischi, molte città costiere stanno già pianificando misure di adattamento per far fronte alle prospettive a lungo termine dell’innalzamento del livello del mare, spesso a costi considerevoli. Si stanno costruendo dighe, ripensando strade e piantando mangrovie o altra vegetazione per assorbire l’acqua.

A Giacarta, un progetto da 40 miliardi di dollari mirerà a proteggere la città con una diga alta 25 metri. Rotterdam, sede del Global Center on Adaptation , ha offerto un modello ad altre città che cercano di combattere le inondazioni e la perdita di terra. La città olandese ha costruito barriere, drenaggio e caratteristiche architettoniche innovative come una “piazza dell’acqua” con stagni temporanei.

Naturalmente, le comunità vulnerabili all’innalzamento dei mari possono arrivare solo fino a un certo punto nel trattenere la marea. Nelle Isole Marshall, dove l’innalzamento del livello del mare sta costringendo a scegliere tra il trasferimento o la costruzione della terra, i residenti avranno bisogno dell’aiuto di altre nazioni se decideranno di intraprendere la costosa seconda opzione.

Di quanto si innalzeranno i mari?

La maggior parte delle previsioni afferma che il riscaldamento del pianeta continuerà ed è probabile che acceleri, facendo sì che gli oceani continuino a salire. Ciò significa che centinaia di città costiere rischiano le inondazioni . Ma prevedere quanto e quanto presto aumenteranno i mari rimane un’area di ricerca in corso.

L’ultimo rapporto speciale del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici dice che possiamo aspettarci che gli oceani aumentino tra da 26 a 77 centimetri entro il 2100 con temperature che si scalderanno di 1,5 °C. Questo è abbastanza per pregiudicare gravemente molte delle città lungo la costa orientale degli Stati Uniti. Un’altra analisi basata sui dati della NASA e dell’Europa si è spostata verso l’estremità più alta di tale intervallo, prevedendo un aumento di 65 centimetri entro la fine di questo secolo se la traiettoria attuale continua.

Se tutto il ghiaccio che attualmente esiste sulla Terra nei ghiacciai e nelle lastre si sciogliesse, aumenterebbe il livello del mare di 65 centimetri. Ciò potrebbe far scomparire sotto le onde interi stati e persino alcuni paesi, dalla Florida al Bangladesh. Questo non è uno scenario che gli scienziati ritengono probabile e probabilmente ci vorranno molti secoli, ma alla fine potrebbe accadere se il mondo continuasse a bruciare combustibili fossili indiscriminatamente.

Nel frattempo, gli scienziati continuano a perfezionare i loro modelli di cambiamenti del livello del mare. Sottolineano inoltre che la misura in cui i paesi lavorano insieme per limitare il rilascio di più gas serra può avere un impatto significativo sulla velocità con cui i mari salgono e quanto.

Molte persone pensano al riscaldamento globale e al cambiamento climatico come sinonimi, ma gli scienziati preferiscono usare “cambiamento climatico” per descrivere i complessi cambiamenti che ora interessano il clima e i sistemi climatici del nostro pianeta.

innalzamento mare

L’aumento del livello dei mari farà scomparire la tua città?

Scoprilo tu stesso su questa mappa

Per secoli, l’essere umano ha bonificato la terra dal mare. I Paesi Bassi ne sono il miglior esempio. Anche Venezia. Ora la tendenza è l’opposto. Il cambiamento climatico e il riscaldamento globale hanno causato l’innalzamento del livello del mare a un ritmo notevole di tre millimetri e mezzo l’anno negli ultimi tre decenni.

Le temperature sono ancora in aumento e i ghiacciai si stanno ancora sciogliendo. Quindi a lungo termine viene naturale chiedersi, la mia casa finirà per annegare nelle acque del mare?

Come in tutto ciò che riguarda il cambiamento climatico, ci sono tante incertezze quanti sono i risultati possibili a seconda di cosa si decide di fare con il pianeta. Ma c’è anche un altro modo per scoprirlo e cioè simulando dove finirebbero le acque se salissero di X metri.

È quello che fa Flood Map. Aggiunge variabili, prende in considerazione le varie caratteristiche geografiche di tutti i continenti e in base al numero di metri che vogliamo dare al mare ci restituisce il mondo del futuro. O meglio, le coste di domani.

Lascia un commento

Your email address will not be published.