La misteriosa origine della porta dell’inferno

origine porta dell'inferno

Come si è formata la porta dell’inferno, qual è la sua origine? Perché brucia costantemente? Quando si spegnerà la porta dell’inferno?

Il Turkmenistan non è un paese che riceve molto turismo, ma ha un’attrazione unica al mondo: un enorme cratere in mezzo al deserto che è sempre in fiamme. Il pozzo Darvaza, situato nel deserto del Karakum, è conosciuto in tutto il mondo come la porta dell’inferno. Scopriamo qual è l’origine della porta dell’inferno e perché brucia.

Che dimensioni ha la porta dell’inferno?

Il cratere situato nel deserto del Karakum ha un diametro di 69 metri ed una profondità di circa 30 metri. Brucia ininterrottamente dal 1971. Ma non lo fa a causa dell’attività vulcanica nella zona, ma a causa di un incidente che si sarebbe verificato quello stesso anno.

Qual è l’origine della porta dell’inferno?

L’origine della porta dell’inferno è stimata intorno al 1971, è durante questo anno, che sarebbe cambiata per sempre la storia della regione. Un gruppo di geologi russi ha effettuato una serie di esplosioni controllate nel deserto del Karakum con l’obiettivo di trovare giacimenti petroliferi. Nonostante non li trovassero, scoprirono grandi quantità di idrocarburo, quindi procedettero ad estrarlo.

Per fare ciò, hanno deciso di esplorare un’area cavernosa situata a circa 240 chilometri da Ashgabat, la capitale del paese. Una grotta naturale, in cui era presente una fuoriuscita di gas naturale. Nei lavori di perforazione, la grande quantità di gas sottostante, ha esercitato una grande pressione nel terreno, facendolo cedere e creando l’enorme cratere che oggi conosciamo.

Per fortuna non ci sono stati feriti. Tuttavia, il cratere iniziò ad espellere grandi quantità di gas naturale, composto principalmente da metano e altri gas come alcani e una piccola percentuale di anidride carbonica, azoto, idrogeno solforato ed elio. Se i diversi gas avessero raggiunto l’atmosfera, avrebbero potuto avere un forte impatto sia sulle persone che sull’ambiente naturale.

porta dell'inferno perché brucia

Perché la porta dell’inferno brucia da 50 anni?

Per lo stesso motivo, siccome non volevano rendere l’area inabitabile, i tecnici hanno optato per l’opzione più ricorrente quando si tratta di controllare il gas che esce: dargli fuoco e bruciarlo.
Mezzo secolo dopo, la porta dell’inferno brucia ancora ed è considerata l’unico angolo del pianeta in cui la temperatura può raggiungere i 1000 gradi Celsius.

Da allora è diventato sempre più famoso fino a diventare una vera e propria attrazione turistica. Nonostante il suo difficile accesso, sempre più persone vengono in questa regione per visitare quella che in seguito sarebbe stata conosciuta come la Porta dell’Inferno. Le fiamme bruciano da più di mezzo secolo e non sembra che si spegneranno presto.

Le discrepanze sull’origine del cratere si estendono per diversi anni. Alcuni dicono che sia stata costituita nel 1971 ed è stata incendiata dai russi non appena l’hanno scoperta, ma c’è anche chi dice che si è formata alla fine degli anni ’60 e non è stata accesa fino a buona parte degli anni ’80.

Ciò che sappiamo, è che qualcuno o qualcosa ha fatto divampare il fuoco in un cratere in cui viene espulso del gas metano e ancora oggi ne stiamo vedendo gli effetti.

Una teoria alternativa dice che, forse sia stato un incidente naturale a provocare l’incendio: come un fulmine che abbia colpito il cratere innescando l’incendio, anche se i sospetti circolano più nei confronti dei russi che lo azionarono intenzionalmente per precauzione. Se si lavora vicino a una fuga di gas permanente si è in grave pericolo, ma non se la si dà fuoco, facendola consumare costantemente.

Quando si spegnerà la porta dell’inferno?

Non si conosce la quantità di gas residuo presente nel sottosuolo del deserto del Karakum, quindi è difficile prevedere quando il fuoco si possa spegnere naturalmente.

quando si spegnerà la porta dell'inferno

La porta dell’inferno potrebbe essere spenta dall’uomo?

Sì, ma in questo momento il Turkmenistan lo sta usando come attrazione turistica. A meno che il gas che esce dalla superficie non si esaurisca improvvisamente.

Tuttavia, la fine di questo sito si sta avvicinando. Il presidente di questa nazione, Gurbanguly Berdymukhamedov, ha annunciato la decisione di spegnere il fuoco che brucia nel cratere.

Sebbene il paese debba gran parte del suo fascino turistico a questo punto caldo, lo stesso Gurbanguly Berdymukhamedov ordinò al suo gabinetto di chiudere le Porte dell’Inferno.

È successo tutto in un’apparizione pubblica l’8 gennaio 2022 su un canale della televisione di stato. Gurbanguly Berdymukhamedov ha esortato le autorità a trovare una soluzione per spegnere l’incendio. Il motivo del politico è la preoccupazione che questo sito possa danneggiare la salute delle persone che vivono nelle vicinanze.

Allo stesso modo, questo sito genera grandi perdite di opportunità commerciali, poiché il gas naturale è una delle grandi risorse economiche che guida non solo il Turkmenistan ma anche vari paesi dell’Asia centrale.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.