Cos è l’impronta idrica?

acqua virtuale

Tabella Impronta  idrica: definizione e calcolo dell’ acqua virtuale contenuta negli alimenti.

Cosa si intende per impronta idrica e acqua virtuale?

L’acqua è, sicuramente, la risorsa naturale più importante e necessaria per la vita sul pianeta, seconda solo all’aria che respiriamo. Sia gli esseri umani che gli animali, le piante e tutti gli esseri viventi nel mondo, hanno bisogno di acqua pulita per idratarsi e svolgere le nostre funzioni vitali più elementari. È fondamentale che le persone siano consapevoli dell’uso e del consumo che facciamo dell’acqua. Soprattutto dell’impatto ambientale che questa ha sui diversi ecosistemi.acqua virtuale - tabella impronta idrica

Non abbiamo solo bisogno di acqua per bere, cucinare o irrigare i campi, ma l’uso dell’acqua è coinvolto, più o meno indirettamente, in tutte le attività umane. Tutto ciò che facciamo ci costerà acqua, anche se a prima vista non è del tutto ovvio. Per rendere più visibile, il consumo idrico indiretto, nasce il concetto di impronta idrica. Coniato nel 1993 dal geografo britannico Tony Allan. Questo ci aiuta a mettere in relazione il nostro consumo di beni e servizi con il consumo indiretto di acqua.

Cos’è l’ acqua virtuale?

L’ acqua virtuale, è un indicatore che serve a quantificare il consumo di acqua coinvolto nella produzione di un determinato bene o nell’erogazione di uno specifico servizi. Il concetto di acqua virtuale, non tiene conto solo dell’acqua contenuta direttamente nel prodotto finale. Anche dell’acqua indirettamente coinvolta in tutto il processo produttivo dello specifico bene.

Come calcolare l’acqua virtuale associata alla produzione e al consumo di un prodotto. Dobbiamo prendere in considerazione l’acqua che è stata consumata per produrre le materie prime con cui viene prodotto questo bene. L’acqua residua che viene generata in quei processi o l’ acqua consumata dai servizi indiretti necessari alla produzione.

Calcolo acqua virtuale

Supponiamo, ad esempio, la quantità di acqua necessaria alla produzione di un chilogrammo di polpette di manzo. Per il calcolo dell’acqua virtuale, bisogna tener conto non solo dell’acqua contenuta nella carne stessa polpetta, ma anche dell’acqua che l’animale ha bevuto durante tutta la sua vita. L’acqua che è stata utilizzata per il suo mantenimento. Quella necessaria per produrre mangimi vegetali per alimenti. L’acqua contaminata durante tutti i processi industriali e di trasporto, ecc. consumo acqua bovini

In questo modo, si tiene conto di tutte le risorse idriche necessarie alla produzione del bene. Nel caso di questo esempio, per ottenere un chilogrammo di polpette di manzo, dovremmo consumare 16.000 litri di acqua.

Quindi, partendo dal presupposto che tutto ciò che consumiamo, sarà associato al consumo di acqua. Possiamo riflettere sulla necessità di adottare modelli di consumo più responsabili, più sostenibili dal punto di vista del consumo idrico.

Tabella impronta idrica

Per capire la tabella impronta idrica vediamo alcuni esempi di consumo di acqua virtuale, legato alla produzione di alcuni beni e alimenti che consumiamo quotidianamente, basati sullo studio Water Footprint  Network.

 Contenuto calcolo acqua virtuale negli alimenti (nell’elenco saranno indicati con valore 1 ovvero: 1 bicchiere/ 1 pezzo singolo al quale sarà accostato il consumo in litri)

bicchiere di latte (250 ml) – 255 litri
tazza di tè (250 ml) – 27 litri
vino (125 ml) – 109 litri
birra (250 ml) – 74 litri
mela (100 g) – 82 litri
pomodoro (70 g) – 15 litri
patata (100 g) – 29 litri
lattuga (300 g)  – 72 litri
uovo (60 g) – 196 litri
1 kg di carne di maiale5988 litri
1 kg di carne di pollo4325 litri
1 kg di carne di manzo15415 litri
1 kg di mais1222 litri
1 kg di riso2497 litri

Calcolare l’impronta idrica di un Paese

L’impronta idrica, ad esempio, di un paese è misurata attraverso quattro fattori come segue:

Volume di consumo totale

Esiste, ovviamente, una correlazione tra il prodotto interno lordo (PIL) di un paese e la sua impronta idrica. Maggiore è il PIL, maggiore è l’impronta idrica.

Abitudini di consumo

Le abitudini di consumo in un paese condizionano la sua impronta idrica, in particolare il consumo di articoli che richiedono una grande quantità di acqua per la loro produzione.

Clima

Nei paesi con temperature elevate, e quindi una maggiore richiesta di evaporazione, le colture necessitano di più acqua.

Pratiche agricole

I paesi con basse prestazioni agricole a causa delle inefficienze, come la Thailandia o il Mali, ad esempio, hanno un’impronta idrica elevata

Tabella impronta idrica di tre componenti: verde, blu e grigio

L’insieme di questi componenti forniscono un quadro completo dell’uso dell’acqua delineando la fonte di acqua consumata, come precipitazioni o umidità del suolo o acque superficiali o sotterranee e il volume di acqua dolce necessaria per l’assimilazione degli inquinanti.

Uso diretto e indiretto dell’acqua

Il concetto, prende in considerazione l’uso dell’acqua sia diretto che indiretto di un processo, prodotto, azienda o settore e include il consumo di acqua e l’inquinamento durante l’intero ciclo di produzione dalla catena di approvvigionamento all’utente finale.

È anche possibile utilizzare l’impronta idrica per misurare la quantità di acqua necessaria per produrre tutti i beni e i servizi consumati dall’individuo o dalla comunità, da una nazione o dall’intera umanità. Ciò include anche l’impronta idrica diretta, che è l’acqua utilizzata direttamente dagli individui e l’impronta idrica indiretta, la somma delle impronte idriche di tutti i prodotti consumati.

Le tre impronte idriche

L’impronta idrica verde

L’impronta idrica verde è l’acqua delle precipitazioni che viene immagazzinata nella zona delle radici del suolo ed evaporata, traspirata o incorporata dalle piante. È particolarmente rilevante per i prodotti agricoli, orticoli e forestali.

L’impronta idrica blu

L’impronta idrica blu è l’acqua che è stata ottenuta da risorse idriche superficiali o sotterranee ed è evaporata, incorporata in un prodotto o prelevata da un corpo idrico e restituita a un altro o restituita in un momento diverso. L’agricoltura irrigua, l’industria e l’uso domestico dell’acqua possono avere un’impronta idrica blu.

L’impronta idrica grigia

L’impronta idrica grigia è la quantità di acqua dolce necessaria per assimilare gli inquinanti per soddisfare specifici standard di qualità dell’acqua. Questo fenomeno, considera l’inquinamento di origine puntuale scaricato in una risorsa di acqua dolce direttamente attraverso un tubo o indirettamente attraverso il deflusso o la lisciviazione dal suolo, superfici impermeabili o altre fonti diffuse.

Consigli per ridurre l’impronta idrica

Alcune delle piccole cose che possiamo fare per ridurre i consumi, le azioni semplici da fare come consumatori sono:

Ridurre il tempo della doccia. Chiudere l’acqua mentre si applica il sapone e usare soffioni doccia ecologici.
Puntare a mangiare cibi sostenibili, ridurre il consumo di quegli alimenti che richiedono più acqua, come la carne.
Acquistare dall’agricoltura sostenibile e locale, la produzione di bestiame e la pesca.
Optare per il consumo responsabile e l’economia circolare.
Implementare un sistema di qualità ambientale.
Incoraggiare il riciclaggio, il riutilizzo e il consumo ecologico al centro dell’azienda.
Utilizzare fornitori che si impegnano a ridurre l’impronta idrica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.