Inquinamento atmosferico: cos’è, cause e conseguenze sull’uomo

cause inquinamento atmosferico

Quando si parla di inquinamento ambientale, non si può non parlare dell’inquinamento atmosferico, che attanaglia sempre più le nostre città. Scopriamo quali sono le cause e le conseguenze  dell’inquinamento atmosferico sull’uomo e cosa possiamo fare nel quotidiano per migliorare la qualità dell’aria che respiriamo.

Cos’è l’inquinamento atmosferico? Cause ed effetti dell’inquinamento atmosferico sull’uomo. Come ridurre l’inquinamento atmosferico.

Cos’è l’inquinamento atmosferico? Cause ed effetti dell’inquinamento atmosferico sull’uomo.

L’inquinamento atmosferico è l’accumulo di materiali tossici o pericolosi nell’atmosfera terrestre. Può essere un gas, un liquido o un solido sospeso nell’aria. Ciò può includere particelle di fumo, polvere, fuliggine (come il particolato), vapori chimici e aerosol. Gli esseri umani sono esposti quotidianamente a inquinanti nocivi a causa delle emissioni da varie fonti nell’atmosfera.

L’aria che respiriamo è inquinata e minaccia la nostra salute, come possiamo ridurre l’inquinamento atmosferico?

L’OMS ha recentemente stabilito che il 90% della popolazione mondiale vive in ambienti con aria inquinata. Ciò causa malattie e genera 7 milioni di morti premature ogni anno. L’industria, il modo in cui generiamo energia, come ci muoviamo e persino cosa succede alle foreste sono fattori che influiscono.
L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha pubblicato un rapporto in cui inasprisce gli indicatori di qualità dell’aria, fissando soglie più basse per i minimi tollerabili di sostanze inquinanti nell’atmosfera.

L’ultima volta che queste guide sulla qualità dell’aria sono state prodotte è stato nel 2005, più di 15 anni fa. Questo aggiornamento fissa soglie significativamente inferiori rispetto a quanto proposto quell’anno. Grazie a studi più sviluppati e maggiori prove, si è scoperto che ci sono contaminanti che, anche a concentrazioni molto basse, hanno il potenziale per nuocere alla nostra salute .

L’OMS classifica l’inquinamento atmosferico come un problema di salute pubblica alla pari di una cattiva alimentazione o del fumo.

ridurre inquinamento atmosferico

Come ridurre l’inquinamento atmosferico?

Quando si tratta di ridurre L’inquinamento atmosferico, i principali promotori sono i governi, promuovendo un economia green.

Nei trasporti, le decisioni del governo sono fondamentali. Un governo che promuove trasporti pubblici efficienti, infrastrutture per la mobilità attiva, ad esempio per le biciclette, la mobilità elettrica, fa meno affidamento sui trasporti basati sui combustibili fossili e un uso più efficiente dell’energia e dello spazio pubblico dedicato ai trasporti. E, dall’altro, anche le decisioni legate al consumo di beni e servizi.

I governi hanno diverse alternative per mitigare gli effetti dell’inquinamento atmosferico.  Queste misure sono molte, ma ad esempio per quanto riguarda i trasporti, il trasporto pubblico può essere incoraggiato, avere un buon sistema di trasporto pubblico in modo che le persone non utilizzino così tanto le auto private e quindi ridurre il numero di motori a combustione in funzione.

Oltre a ciò, esistono azioni a livello individuale che, se utilizzate collettivamente, possono portare a cambiamenti sostanziali.

Il modo migliore per i cittadini di contribuire a questo problema sia adeguando i livelli e le modalità di consumo. Cercando di essere consumatori più sostenibili, sprecando meno energia, meno materiali, riducendo i nostri consumi in generale e utilizzando i beni in modo più efficiente. Raccomandano inoltre di utilizzare maggiormente i mezzi pubblici invece di quelli privati ​​e di provare a passare alla mobilità elettrica.

Il problema del carburante

La combustione di combustibili fossili e il trasporto in particolare rilasciano una miscela di particelle solide, goccioline liquide e gas nocivi. Uno dei risultati di questo ultimo rapporto è stato che la soglia accettabile per i livelli di biossido di azoto è più bassa di quanto si pensasse in precedenza. E questo biossido di azoto è in gran parte emesso dalle auto a benzina o diesel.

Il problema dell’inquinamento atmosferico varia leggermente tra le nazioni sviluppate e quelle in via di sviluppo. Nei paesi in via di sviluppo, la qualità dell’aria è peggiorata a causa dell’urbanizzazione e della crescita economica basata sui combustibili fossili e sull’uso inefficiente dei combustibili nelle case. In questi Paesi c’è un maggiore uso di combustibili solidi, uso di kerosene nelle stufe e nelle cucine senza ventilazione.

L’inquinamento atmosferico nelle città colpisce una popolazione molto più ampia che nelle zone rurali. Negli ambienti rurali c’è più che altro un problema di inquinamento domestico, perché c’è un maggior consumo di combustibili solidi, come la legna da ardere.

L’inquinamento ambientale è un problema globale che non è esclusivo di nessun settore in particolare, ma riguarda tutti allo stesso modo. Anche se ritiene che questo problema sia più importante nelle città perché, ci sono più fonti di emissioni vicine a città, è il caso di alcune industrie o del traffico veicolare, che emettono sostanze inquinanti. Quindi quelle fonti di emissione sono più vicine alle persone quanto più grande è la città.

Leggi anche: I combustibili alternativi del futuro

Cos’è l’indice di qualità dell’aria e come si misura?

Misurare la qualità dell’aria non risolve il problema di fondo le cause dell’inquinamento ma consente di informare la popolazione e di adottare urgenti misure sanitarie e, a medio o lungo termine, di decontaminazione.

L’inquinamento atmosferico è diventato un problema di salute pubblica e ha aperto una serie di domande: come si misura la qualità dell’aria?  Quali conseguenze ha sulla nostra salute?

indice qualità dell'aria

Come si misura la qualità dell’aria?

Esistono diverse tecnologie, ma a livello generale si tratta di montare, in punti strategici, dispositivi che rilevano la presenza di particolato, una miscela di particelle liquide e solide e sostanze organiche e inorganiche che sono sospese nell’aria. La presenza di questo tipo di materiale, da certi valori di riferimento, significa che l’aria è contaminata.

Per effettuare questa misurazione sono necessari strumenti adeguati, stazioni di monitoraggio dotate di sistemi per raccogliere e analizzare le informazioni e, infine, indicatori che aiutino a comprendere i risultati di queste misurazioni.

Alla fine del 2020, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha pubblicato nuove linee guida sulla qualità dell’aria. I sei inquinanti in questione sono: particolato (PM), ozono (O₃), biossido di azoto (NO₂), biossido di zolfo (SO₂) e monossido di carbonio (CO). Sebbene stabilisca i livelli massimi raccomandati, parla anche di desiderabili “obiettivi intermedi” per i paesi che non possono avanzare in queste misurazioni.

Per gli scienziati che studiano il clima globale, è altamente probabile che il previsto aumento della frequenza e della durata delle ondate di calore e degli incendi boschivi peggiori la qualità dell’aria in molti angoli del pianeta. Questo causa ovvie conseguenze per la salute umana e per gli ecosistemi.

Il sesto rapporto di valutazione dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) include scenari per l’evoluzione della qualità dell’aria con l’aumento delle temperature nel 21° secolo. Si stima che la probabilità di incendi boschivi catastrofici, come in Australia nel 2019 o negli Stati Uniti occidentali nel 2020 e 2021, aumenterà del 40-60% entro la fine di quest’anno.

Ciò significa che è probabile che le ondate di calore, sempre più comuni a causa dei cambiamenti climatici, continuino a causare il degrado della qualità dell’aria.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.