Il calcio tutte le domande che ti sei sempre chiesto

La storia del calcio. Le origini del calcio moderno

Dove è stato inventato il calcio?

Il calcio è considerato lo sport più popolare al mondo. La storia del calcio e le sue origini non sono ben precise, tra chi ha inventato il calcio, oggi sappiamo che si giocava in Egitto ai tempi dei faraoni, nell’antica Cina, nella Roma imperiale, in Inghilterra senza dimenticare il calcio in Italia con il calciostorico fiorentino, in voga nel medioevo. I principi e le regole del calcio sin dal suo inizio sono certamente variati notevolmente. Sicuramente, nel tempo e a seconda del luogo, ci sono stati molti cambiamenti nel modo di giocare a calcio.

Chi ha inventato il calcio moderno?

La creazione del calcio moderno per come lo conosciamo oggi, è attribuita all’Inghilterra, un paese che ha regolato il gioco del calcio nel 1863 attraverso la Football Association (FA), la prima associazione calcistica.

Fu nel 1863, a Cambridge, in Inghilterra, che 12 squadre di calcio si unirono per redigere un documento che stabiliva le regole ufficiali del calcio. La pratica dello sport era molto popolare tra i giovani inglesi in quel momento, tuttavia mancava un controllo adeguato per prevenire giochi scorretti, infortuni e interpretazioni soggettive del gioco. Ciò ha portato alla regolamentazione del calcio per la sua migliore esecuzione e alla creazione della Federcalcio (FA), la prima associazione calcistica al mondo. regole calcio

Chi ha inventato le regole del calcio?

A metà del 19° secolo furono fatti i primi passi per unificare tutti i codici del calcio in uno. Il primo tentativo fu nel 1848, quando all’Università di Cambridge, Henry de Winton e John Charles Thring fecero appello ai membri di altre scuole per regolamentare un nuovo codice, il Cambridge Code, noto anche come Cambridge Rules. Le regole avevano un’importante somiglianza con le regole del calcio di oggi. Forse la più importante di tutte è stata la limitazione delle mani a toccare la palla, passando la responsabilità di trasferirla ai piedi. Tornei ed eliminazioni squadre: playoff.

Lo scopo del gioco

Lo scopo del gioco era passare una palla tra due pali verticali e sotto un nastro che li univa,  la squadra che avrebbe segnato più gol, sarebbe stata la vincitrice. È stata addirittura creata una regola del fuorigioco simile a quella attuale. È stato inoltre adottato l’uso di calci di punizione, calci d’angolo e rimesse in gioco come modalità di ripresa del gioco ed il calcio di rigore.

Qual’è la squadra di calcio più antica del mondo?

Nel 1855, i membri di un club di cricket della città di Sheffield organizzarono partite di calcio per trascorrere i mesi invernali, queste partite furono giocate senza regole ufficiali.  Il 24 ottobre 1857 Nathaniel Creswick e William Perst scrissero l’atto costitutivo della prima squadra di calcio della storia e formarono lo Sheffield Football Club.

Il club di Sheffield è ufficialmente riconosciuto dalla FIFA come il club calcistico più antico del mondo. Ha anche il più antico codice calcistico documentato in Inghilterra.

Perché a calcio si gioca in 11?

Nel 1870, sette anni dopo la sua fondazione, che la FA stabilì che il numero di giocatori per squadra doveva essere undici. Si pensa che la decisione sia stata presa dall‘esempio del cricket, lo sport più popolare in Inghilterra fino a quel momento.

Secondo un’altra teoria, in questo periodo il calcio si praticava principalmente nei college inglesi, come: Eton, Harrow e Charterhouse, il numero dei giocatori deriverebbe dalla quantità di ragazzi che componevano ciascuno dei dormitori degli istituti, 11.

Primo torneo di calcio

Il 20 luglio 1871 un quotidiano britannico annunciò la creazione di un torneo organizzato dalla FA, il primo passo verso la creazione della Coppa d’Inghilterra. Quell’anno la FA era composta da 50 squadre, ma solo 12 decisero di partecipare alla prima edizione del torneo, 1871 – 1872 , vinta dal Wanderers FC.  Il 30 novembre 1872, Scozia e Inghilterra giocarono la prima partita ufficiale tra squadre nazionali, incontro terminato con un pareggio a reti inviolate. La partita è stata giocata all’Hamilton Crescent, ora un campo da cricket, a Partick, in Scozia .

Diffusione del calcio nel mondo

Negli anni il calcio si espanse rapidamente nelle isole britanniche , dove furono create nuove associazioni calcistiche. Alla fine del 1880 il calcio iniziò ad espandersi rapidamente al di fuori del Regno Unito, principalmente a causa dell’influenza internazionale dell’Impero Britannico. I primi paesi a fondare le proprie federazioni calcistiche sono state Danimarca e Paesi Bassi. A queste, si sono unite in seguito le federazioni di: Nuova Zelanda, Argentina, Belgio, Cile, Svizzera, Italia, Germania, Uruguay, Ungheria e Spagna.

La storia del calcio in Italia

La Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) è stata fondata nel 1898 quando il calcio ha iniziato a guadagnare un posto importante nel paese. Così ha avuto bisogno di una struttura formale per organizzare lo sport. La prima presidenza è stata decisa nella città di Torino, dove Mario Vicary è stato eletto presidente insieme a Luigi D’Ovidio.prima squadra italiana

Negli anni precedenti e successivi alla fondazione della FIGC, si sono formate società calcistiche in tutto il Paese. Principalmente nelle città di Genova, Torino, Milano, Napoli, Roma e Palermo.

Il Genoa è la società calcistica italiana più antica, è stata fondata il 7 settembre 1893.

Quando nasce la Serie A?

Il calcio in Italia. La Serie A è l’erede dei Campionati Italiani Nazionali sorti nel 1898, quando si svolse il primo campionato italiano di calcio, da qui in avanti, proprio il Genoa Cricket & Football Club, dominò in Italia, vincendo sei delle prime sette edizioni. Oltre al club genovese con nove campionati in epoca amatoriale. In quella fase si distingue anche la Pro Vercelli con sette conquiste tra il 1908 e il 1922. Tra il 1915 e il 1919 il torneo non si è giocato a causa della prima guerra mondiale.

Il titolo di Campionato di Serie A, viene spesso chiamato scudetto. Questo perché dalla stagione 1923-1924 la squadra vincitrice, porta un piccolo stemma con il tricolore italiano sulla propria maglia durante la stagione successiva.

Il cambio nome

Nel 1929, con la professionalizzazione del calcio italiano, cambiò nome in Serie A o Campionato a girone unico. Negli anni ’30 la Juventus prevalse per cinque stagioni consecutive (1930-1935). Dal canto suo, il Bologna è stato campione in altre tre occasioni. Giocatori come Giuseppe Meazza con l’ Inter si sono distinti in questo decennio.

Il decennio degli anni Quaranta fu l’età d’oro dell’Associazione Calcio Torino , ottenendo cinque scudetti. Tra il 1943 e il 1945 il concorso dovette essere nuovamente sospeso a causa della seconda guerra mondiale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.