Popocatépetl e Iztaccihuatl la leggenda dei due vulcani innamorati

la leggenda popocatépetl e iztaccihuatl

La leggenda dei vulcani messicani Popocatépetl e Iztaccihuatl. Le storie legate intorno alla due famose montagne del Messico.

La donna donna addormentata Iztaccíhuatl e il suo amante  Popocatépetl, i due vulcani più famosi del Messico.

La leggenda di Popocatéptl e Iztaccihuatl

Una leggenda narra che queste due montagne rappresentino una fanciulla e un giovane guerriero tlaxcalano. Popocatéptl e Iztaccihuat. Iztaccíhuatl, era la più bella principessa Tlaxcalteca mai vista e depose il suo amore nel giovane Popocatépetl, uno dei guerrieri più belli e coraggiosi del suo popolo.

Si narra, che prima di partire per la guerra in cui i Tlaxcalteca combatterono contro i loro nemici, gli Aztechi, Popocatépetl chiese al capo del suo popolo la mano della principessa Iztaccihuatl. Questi gliela concesse a condizione che tornasse sano e salvo dalla guerra per sposarla.

Così, il guerriero andò in battaglia mentre la principessa attendeva il ritorno del suo amore. Tuttavia, la lingua tagliente di un geloso rivale di Popocatéptl, ingannò la principessa e informandola che il suo amante era morto in combattimento.

Trascinata dal dolore e dalla disperazione, ignara di essere vittima di un inganno, si racconta che la bella principessa sia morta di tristezza per la perdita del suo amato.

Il ritorno di Popocateptl

Poco dopo Popocateptl tornò vittorioso dalla sua compagnia pronto a sposare Iztaccihuatl.

Tuttavia al suo arrivo ricevette la disastrosa notizia della sua morte. Per diversi giorni e notti si dice che il giovane vagò per le strade finché non trovò il modo di onorare il grande amore che entrambi professavano l’uno per l’altro. Fu così che ordinò l’erezione di una grande tomba sotto il sole, facendo innalzare in suo onore un’enorme montagna.

Popocatépetl Iztaccihuatl

Una volta costruita, prese il corpo inerte della sua principessa, la pose sulla cima della montagna, la baciò per l’ultima volta e poi, con fumante torcia in mano, si inginocchiò per guardarla dormire eternamente.

Sono stati insieme da allora, uno davanti all’altro. Col tempo la neve ha ricoperto i loro corpi che sarebbero diventati due enormi vulcani e che rimarranno immutati fino alla fine dei tempi. Ecco perché conosciamo il vulcano Iztaccíhuatl come “La donna addormentata”.

Quando il guerriero Popocatépetl ricorda la sua amata Iztaccihuatl, il suo cuore, che custodisce il fuoco dell’eterna passione, trema e la sua torcia riprende fuoco. Ecco perché, ancora oggi, il vulcano Popocatepetl continua a emettere fumarole di fumo.

Dove si trovano i vulcani Popocatépetl e Iztaccihuatl?

I vulcani Iztaccihuatl e Popocatépetl si trovano nel limite territoriale di vari comuni di stati della zona centrale del Messico, negli stati di Morelos e Puebla.

Iztaccíhuatl

Per secoli è stato possibile vedere e ammirare questa montagna innevata da centinaia di chilometri intorno. Il vulcano ha diverse vette: la più alta, a 5.215.128 metri sul livello del mare, è conosciuta come “vetta ovest del Petto”; Spiccano anche “la Testa” e “i Piedi”.

Questi nomi sono dovuti alla sagoma della montagna, che ricorda il profilo di una donna distesa, con i capelli sciolti sul lato opposto del corpo. Per questo è conosciuta non solo come Donna Bianca, ma anche come Donna Addormentata. L’Iztaccíhuatl si trova a circa 55 km a sud est di Città del Messico, talvolta può essere visto dalla capitale, a seconda delle condizioni atmosferiche.

Iztaccihuatl Popocatepetl

Popocatépetl

Si trova nei limiti territoriali degli stati di Morelos e Puebla. Si trova a circa 72 km a sud est di Città del Messico, 43 km da Puebla, 63 km da Cuernavaca e 53 km da Tlaxcala.

Ha una forma conica simmetrica ed è collegata a nord con Iztaccíhuatl attraverso un passo di montagna noto come Paso de Cortés. Il vulcano ha ghiacciai perenni in cima alla montagna. È il secondo vulcano più alto del Messico, con un’altitudine massima di 5.500 metri sul livello del mare.

Altre leggende legate ai due vulcani Popocatépetl e Iztaccihuatl

Un’altra versione narra che Tezozómoc, il padre di Iztaccíhuatl, mandò Popocatépetl in guerra a Oaxaca, promettendogli la mano di sua figlia se fosse tornato vittorioso, cosa che Tezozómoc riteneva impossibile.

Poiché il padre della principessa non voleva che sposasse il guerriero, non ritenendolo all’altezza della figlia per le sue origini umili. Iztaccihuatl ricevette la notizia che il suo amato era morto in battaglia, causando la sua morte per dolore.

In questa versione, anche Popocatépetl fu vittorioso, ma morì di tristezza al ritorno dalla guerra e appreso del tragico destino della sua amata. Di fronte a questo scenario, gli dei furono commossi dagli innamorati, ricoprendoli di neve per trasformarli in montagne.

Iztaccihuatl

Altre ipotesi

Una variazione della storia precedente indica che la notizia della morte di Popocatepetl sarebbe stata diffusa da un guerriero nemico, nella speranza che Popocatepetl si ritirasse dalla guerra dopo aver appreso dei dolori subiti dalla principessa.

In questa versione, Popocatépetl scopre tristemente la morte di Iztaccihuatl e porta il suo corpo su una montagna, per depositarlo su un letto di fiori e custodirlo con una torcia accesa.

Il padre della principessa, scopre i due nuovi vulcani, indicando al suo popolo che sua figlia e il guerriero Popocatépetl sono stati trasformati in vulcani dagli dei.

Una versione simile a quest’ultima aggiunge che dopo aver ricevuto la notizia della morte della sua amata, Popoca prese il corpo della sua amata, la depose e fece costruire tre piramidi gemelle, sopra le quali avrebbe adagiato Iztaccihuatl in un profumato letto.

Da parte sua avrebbe costruito un’altra piramide e avrebbe acceso una torcia in cima a guardia di Iztaccihuatl.

Il sacrificio di Iztaccihuatl

Ci sono ancora più versioni della stessa leggenda di Popocatépetl e Iztaccihuatl. In una di queste si dice che la principessa Iztaccíhuatl, essendo la fanciulla più bella, sarebbe stata sacrificata agli dei per avere dei buoni raccolti.

Tuttavia, il guerriero Popocatépetl l’amava e non poteva permettere che venisse sacrificata. Per evitarlo dovette scappare con lei, ma mentre stavano scappando le guardie li scoprirono e una freccia ferì la principessa. Il suo amante la prese tra le braccia e continuò a correre.

Una volta al sicuro, l’ha adagiata sul campo, giurando che si sarebbe preso cura di lei per sempre e che avrebbe aspettato che si fosse svegliata dal suo sogno per continuare a vivere il loro amore. Ma è passato così tanto tempo che i campi e la neve li hanno coperti.

Sebbene la trama sia simile in tutte le versioni, esistono diverse varianti e forme (canzoni, poesie, narrazioni) favorite dalla trasmissione orale.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.