Perché il 3 è il numero perfetto

Perché il 3 è il numero perfetto?

Nell’arte, nella filosofia, nella letteratura e in religione, il numero 3 assume un significato speciale.

Considerato come “numero perfetto”, racchiude dentro di sé i due concetti opposti di complessità e semplicità.
La scuola pitagorica lo definisce come numero perfetto perché sintesi del pari (due) e del dispari (uno).

Immaginando il tre come unione del numero 2 e del numero 1, possiamo spiegarne meglio l’interpretazione filosofica.
Il due rappresenta la coppia, gli opposti che si attraggono e che imparano a convivere, ed è spesso interpretato come simbolo di complessità. Dall’altro lato, l’uno rappresenta la semplicità e l’essenzialità. E’ un numero tondo, singolo e privo di implicazioni, e per questo fondamentale.

L’insieme di due realtà così diverse porta al 3, il famoso numero magico – o numero perfetto.

Le sue rappresentazioni fisiche sono tantissime, dal trittico religioso di Padre, Figlio e Spirito Santo fino ai Trentatré canti della Divina Commedia. Ogni volta che il tre compare nella letteratura, sappiamo che dobbiamo aspettarci un significato nascosto, una complessità nascosta che andrà analizzata più nel profondo.

Cosa rappresenta il numero 3

Tre sono i Magi che accorrono ad assistere alla nascita di Cristo, tre sono le Parche e le Furie della Grecia antica, tre sono le Grazie del Cristianesimo, tre le caravelle che Cristoforo Colombo porta con sé alla scoperta dell’America.

Il numero 3 comprare più e più volte nel corso della storia, come simbolo immaginario e come realtà fisica concreta. Se ci concentriamo affondo, riusciamo a scorgerlo nella maggior parte delle storie del passato.
Tutto questo, non può che essere legato al suo fortissimo simbolismo, alla sua presenza nella storia di tutto il mondo.

Abbiamo già parlato della presenza del tre nella Scuola di Pitagora, ma bisogna citare anche la Teoria dei Numeri (che associa i numeri alle forme).
Secondo questa specifica teoria, il tre rappresenta la superficie. Mentre l’uno rappresenta il punto e il due rappresenta la linea, il tre si identifica con la “superficie”. Come è facile immaginare, la prima superficie conosciuta ha la forma di un triangolo, formato da tre punti, tre angoli e tre linee.

Nella cultura Cinese, il numero tre rappresenta la perfezione in quanto descrittivo della totalità cosmica: cielo, terra e uomo.
Allo stesso modo, nella religione Induista il tre è il simbolo del Trimurti, unione religiosa di Brahma, Shiva e Vishnu.

A livello esoterico, il tre ha un’importanza chiave. Lo ritroviamo sia nel Nuovo che nell’Antico Testamento.
Tre sono le parti del Tempio e tre sono i figli di Noè, così come sono tre i giorni delle tenebre in Egitto prima dell’esodo. Il numero, all’apparenza causale, è un continuo riferimento al trittico cristiano di Padre, Figlio e Spirito Santo.

Il tre nella Divina Commedia

Uno dei massimi esempi della presenza simbolica del tre si ricava dalla Divina Commedia di Dante.

Nell’opera, uno degli scritti più importati della letteratura italiana, Dante affida al tre un ruolo assolutamente centrale. La scelta è probabilmente legata a motivi strettamente religiosi, che vedono il tre come simbolo di perfezione.

La Divina Commedia è suddivisa in tre volumi – Inferno, Purgatorio e Paradiso. Ognuna delle tre cantiche contiene 33 canti, con tutti i versi raggruppati in terzine.
I cerchi dell’Inferno, così come i cieli del Paradiso, sono nove proprio come il rapporto tra due tre (3×3=9).

Allo stesso modo, Dante incontra tre fiere nella selva oscura all’inizio dell’Inferno e tre sono le donne che corrono in suo aiuto dal cielo: Beatrice, Lucia e la Santa Vergine.

Il numero 3 in amore

Nella simbologia, il numero tre viene spesso considerato come “numero sacro”. È associato all’allegria, alla creatività e all’umorismo.

In generale, le coppie nate sotto il segno del tre sono destinate a vivere una storia piena di colpi di scena.
Chi nasce in una data colpita dal numero tre, tenderà ad essere particolarmente allegro e spensierato, e a dimostrare un atteggiamento positivo e allegro.

Il tre è anche simbolo dell’abbondanza, ed è un ottimo augurio per coloro che devono scegliere la data del matrimonio.

Anche nei sogni, il tre rappresenta buone notizie e prosperità, ed è da interpretare in modo assolutamente positivo. Lo stesso vale anche per i suoi multipli, che godono della stessa magia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.