I Vichinghi scoprirono l’America

sito-archeologico-di-L-Anse-aux-Meadows

Gli scienziati  sono sicuri, i Vichinghi erano presenti in America nel 1021.

I Vichinghi arrivarono in America 471 anni prima di Colombo.

L’Anse aux Meadows, nella baia di Épaves, all’estremità settentrionale della penisola di Terranova, in Canada, è un sito collegato sin dalla sua scoperta negli anni ’60 a un’occupazione vichinga.

Gli scavi hanno individuato i resti di otto edifici, tra cui officine e abitazioni, e manufatti. Tra i ritrovamenti una fibula di tipo nordico oppure pezzi di legno chiaramente scolpiti con strumenti di ferro, che mancavano agli indigeni. Dopo molte discussioni, ricerche archeologiche innovative sono state in grado di individuare la cronologia del sito: 1021.

Questa è, finora, la prova più antica che conferma l’arrivo dei Vichinghi nel continente americano, che chiamarono Vinlandia, “terra delle viti”, almeno 471 anni avanti a Cristoforo Colombo.

Lo assicura uno studio internazionale pubblicato sulla rivista Nature che, secondo gli specialisti consultati da questo giornale, è serio, appassionante e susciterà molte discussioni accademiche.

Molti elogi dovrebbero andare a questi nordeuropei per essere stati la prima società umana ad attraversare l’Atlantico”, ha affermato il geoscienziato Michael Dee dell’Università di Groningen nei Paesi Bassi, che ha guidato lo studio pubblicato sulla rivista Nature.

Come si è scoperto l’anno dell’arrivo dei Vichinghi in America?

La ricerca condotta da Michael Dee e Margot Kuitems , dell’Università di Groningen, nei Paesi Bassi, ha datato attraverso l’analisi al radiocarbonio una serie di oggetti in legno rinvenuti nel sito.

La ricerca degli scienziati consisteva nel determinare l’anno in cui sono stati tagliati i boschi. Selezionarono quelli che mostravano prove di essere stati manipolati con strumenti metallici. I recuperi derivano dal sito di L’Anse aux Meadows, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.datazione-carbone-14-legno-vichinghi-america

Da questo evento hanno fatto da riferimento gli anni 992-993. In questi anni si registrò un insolito evento di raggi cosmici che aumentò il carbonio atmosferico. Questa situazione, documentata negli alberi di tutto il mondo, ha influenzato lo sviluppo degli anelli di legno.

I tre pezzi analizzati, da cui sono stati ricavati 127 campioni di Carbonio 14, sono stati tagliati nello stesso anno perché mostrano tutti una diminuzione del carbonio nell’anello che stava crescendo 29 anni prima, proprio quando si è verificata la tempesta solare.

Anse aux Meadows: l’insediamento vichingo in America

L’insediamento di L’Anse aux Meadows, serviva una stazione di passaggio utilizzata per le riparazioni navali e come base delle spedizioni vichinghe nell’entroterra, forse anche a sud.ricostruzione-insediamento-vichingo-america

Questo studio è di grande importanza perché rivela la prima data certa di un insediamento vichingo in America. Non ci sono prove archeologiche così concrete di un’altra occupazione dei norvegesi in quella che chiamavano Vinlandia.

I primi ad attraversare l’atlantico.

La recente scoperta segna molteplici pietre miliari per l’umanità. Innanzitutto, L’Anse aux Meadows offre la prima prova nota di una traversata transatlantica. Inoltre, segna il luogo in cui il globo è stato finalmente circondato dagli umani, che migliaia di anni prima erano entrati in Nord America attraverso un ponte terrestre che collegava la Siberia all’Alaska.

I Vichinghi, o popoli norvegesi, erano marittimi della penisola scandinava: Norvegia, Svezia e Danimarca. Si avventuravano spesso nell’Europa settentrionale, a volte colonizzando e talvolta commerciando o razziando. Possedevano straordinarie abilità nella costruzione navale e nella navigazione. Stabilirono insediamenti in Islanda e Groenlandia. Le loro barche di legno erano azionate da vele e remi. Un esemplare sopravvissuto, chiamata “nave Oseberg”, è lunga circa 22 metri.

Perché i vichinghi attraversarono l’atlantico?

I Vichinghi erano grandi marinai, gli scienziati che hanno condotto la ricerca ritengono che potrebbero essere giunti nel Canada di oggi in cerca di materie prime: “Penso sia giusto descrivere il viaggio come un viaggio di scoperta e di ricerca di nuove fonti di materie prime. materiali“, spiega Michael. Dee– Molti archeologi ritengono che la motivazione principale per la ricerca di questi nuovi territori sia stata la ricerca del legno. Si ritiene generalmente che provenissero dalla Groenlandia, dove il legno adatto per la costruzione è scarso.

È chiaro, quindi, che i Vichinghi arrivarono in America 471 anni prima che i Re europei finanziassero il viaggio di Cristoforo Colombo. Ma ci sono ancora domande senza risposta. Come ad esempio, per quanto tempo vissero i Vichinghi in questo angolo del Canada. Si stima che avrebbero potuto essere li per almeno un decennio.

Com’erano fatte le navi dei vichinghi?

Il fatto che Leif Erikson abbia guidato un equipaggio vichingo in Nord America in circa 1.000 – 500 anni prima che Cristoforo Colombo mettesse piede nel Nuovo Mondo, rende evidente la straordinaria abilità marittima dei Vichinghi e mostra la robustezza delle loro navi.

Le navi vichinghe erano azionate da una combinazione di manodopera e vento.

I principi di progettazione che hanno portato alla navi vichinghe possono essere fatti risalire all’inizio dell’età della pietra e all’umiak, una grande barca utilizzata dagli Yupik e dagli Inuit fino a 2.500 anni fa.

Le navi vichinghe furono costruite con il clinker

Il cosiddetto metodo “clinker” di costruzione delle navi si basa su assi di legno, solitamente di quercia, sovrapposte e inchiodate insieme. Gli spazi tra le assi sono stati quindi riempiti con lana catramata e peli di animali, garantendo una nave a tenuta stagna. Tipicamente dotate di postazioni di voga per tutta la loro lunghezza, le navi lunghe utilizzavano anche una grande vela quadrata, tessuta di lana.

Le navi vichinghe erano in grado di navigare in acque poco profonde
Un pescaggio poco profondo ha consentito la navigazione in acque poco profonde fino a un metro e ha reso possibili gli sbarchi sulla spiaggia.

La velocità era variabile da nave a nave, ma si pensa che le navi vichinghe più veloci potessero raggiungere velocità fino a 17 nodi in condizioni favorevoli.

Le barche erano tipicamente abbellite con copricapi decorativi. Le navi vichinghe erano a doppio attacco.
La loro prua simmetrica e il design di poppa consentivano alle navi vichinghe di fare retromarcia rapidamente senza doversi voltare. Ciò è stato particolarmente utile durante la navigazione in condizioni di ghiaccio.

L’ampiezza delle esplorazioni dei Vichinghi fu notevole. Dal Nord America a ovest all’Asia centrale a est, l’era vichinga è definita da un’esplorazione geograficamente estesa che non sarebbe stata possibile senza una costruzione navale così avanzata.

Il design della nave lunga è stato estremamente influente.
Le abilità di costruzione navale dei Vichinghi accompagnarono i loro lunghi viaggi. Molte delle caratteristiche delle navi vichinghe furono adottate da altre culture e continuarono a influenzare la costruzione navale per secoli.

Lascia un commento

Your email address will not be published.