lunedì, Giugno 10, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Impero Inca

Dal Curacazgo di Cuzco all’Impero Inca. Origine della civiltà Inca egemone in Sud America per V secoli. Pachacútec e Francisco Pizarro, i due uomini del destino.

Gli Inca, l’Impero del Sole

Una civiltà morta schiacciata dalla sete di conquista di Francisco Pizarro. L’Impero Inca rimase ferito a morte quando gli spagnoli, ciechi in cerca di oro e gloria, calpestarono le terre dei Figli del Sole riducendo in cenere gli ultimi barlumi di splendore di un mondo in cui gli Inca non conobbero rivali.

Atahualpa, l’ultimo sovrano dell’Impero Inca, morì per mano degli invasori spagnoli nel 1533, ponendo fine a una linea di monarchi le cui radici risalgono al XII secolo. Ma, al di là delle certezze storiche, la genesi di questa civiltà precolombiana è diluita nelle nebbie della leggenda e del mito.

L’origine dello stato Inca

Nella prima metà del XII secolo, emerse la figura di spicco di Manco Cápac, primo capo e fondatore della civiltà Inca di Cuzco. Appartenente all’etnia Tapicalas, eredi della cultura Tiahuanaco. Questo personaggio enigmatico nacque in concomitanza con l’esodo compiuto dal suo popolo, che fuggiva alle vessazioni degli Aymara in direzione di Cuzco. Lungo viaggio di oltre cinquecento chilometri durato una ventina d’anni. Si radicarono nella valle di Huatanay, sconfiggendo gruppi etnici come gli Huala, i Sahuares o gli Alcahuisas.

Per preservare la loro posizione privilegiata a Cuzco, gli Incas dovettero combattere numerose guerre sotto la forte guida di Manco Capac. Lui fu il fondatore del curacazgo di Cuzco, che è solo il primo stadio di sviluppo della cultura Inca degli altopiani andini.

Le prove documentali sull’esistenza di Manco Cápac sono così scarse che molti storici considerano il “padre” della civiltà Inca come una mera figura leggendaria. Il mitico fondatore del curacazgo di Cuzco la cui prima incontestabile testimonianza storica è molto più tarda. La verità è che l’archeologia offre qualche indizio interessante al riguardo.

A metà del XIX secolo, il dubbio racconto dell’esodo dei tapicalas acquisì definitivamente una dimensione storica grazie agli scavi effettuati da Francis de Castelnau e Max Uhle. Il loro lavoro, documentava testimonianze –sotto forma di edifici incompiuti e oggetti di valore abbandonati– di un attacco subito dai tapicala, probabilmente per mano degli Aymara, che corroborerebbe il racconto della dolorosa fuga ed esodo di questa etnia in direzione di Cuzco.

In ogni caso, in questo primo periodo, gli Incas si limitarono a consolidare le loro precarie posizioni, ancora incapaci di ampliare la loro sfera di influenza politica e geografica.

Chi è stato il primo sovrano Inca?

Questa tendenza cambiò definitivamente per mano di Cápac Yupanqui, il primo dei sovrani Inca con ambizioni espansionistiche, che osò lasciare la sicurezza della valle del Cuzco alla ricerca di nuove terre e conquiste. Questi vennero a spese dei residenti di Andamarca e Cuyumalca, che furono assorbiti dal fiorente Stato Inca.

Con la morte di questo bellicoso monarca, quinto della dinastia Hurin, la storia del curacazgo di Cuzco si avvicina a una svolta decisiva. Quindi, a metà del XIV secolo, l’Impero Inca era uno stato relativamente modesto e non costituiva nemmeno il potere egemonico nella regione, un onore che apparteneva agli Ayamarcas. Ma l’avvento al potere dei monarchi della dinastia Hanan Cuzco, iniziata con Inca Roca (il primo dei sovrani di Cuzco ad usare il titolo Inca), cambiò definitivamente la tendenza.

Periodo di splendore dell’Impero Inca

Al di là delle timide annessioni intraprese da Cápac Yupanqui, Viracocha Inca fu il vero promotore, già nella prima metà del XV secolo, della proiezione imperialista del curacazgo di Cuzco. Si prodigò così nella costruzione di avamposti e presidi militari, suscitando l’ira di una delle grandi potenze regionali: i Chancas. Questi ultimi, allarmati dall’aggressività del nuovo monarca di Cuzco, decisero di combattere, ma caddero clamorosamente sconfitti grazie alla formidabili doni di comando di Pachacútec, figlio del monarca. Riuscì a salvare in extremis la città di Cuzco, abbandonata dal padre al suo destino, sicuro di una sconfitta che Pachacútec riuscì a evitare.

Nonostante la sfiducia che lo ispirava, Viracocha Inca non poté impedire a di predere controllo del trono, colui che passerà alla storia come il più grande dei monarchi Inca, responsabile del periodo di maggior splendore della loro civiltà.

Fu la sua eccezionale dimensione di statista e generale che portò lo stato di Cuzco a raggiungere il suo apice storico, mutando da curacazgo a grande impero, una volta sconfitti i Chancas e dopo aver ridotto la resistenza di tutti i loro nemici, conquistando definitivamente il Altopiano del Collao.

pachacutec-curacazgo cuzco

Pachacútec il Figlio del sole

Il figlio del sole, come lo ribattezzarono i suoi contemporanei, Pachacútec è infatti il primo Inca per il quale non ci sono dubbi sulla storicità della sua figura. Né è fuori discussione l’eccezionale significato di un’eredità che non solo si tradusse in glorie militari. Pachacútec fu anche un formidabile amministratore, mecenate e filosofo, ma soprattutto, il condottiero che ha portato la civiltà Inca in una nuova dimensione con la trasformazione del curacazgo nel Tahuantinsuyo (nome del nuovo Impero).

Pachacútec ha presentato non solo i Chancas, ma anche gli Ayamarcas e Collas, tra gli altri gruppi etnici, prima di ritirarsi definitivamente a Cuzco per occuparsi personalmente della riorganizzazione legislativa e amministrativa dello stato. Delegò il comando degli eserciti a suo figlio e futuro successore, Túpac Yupanqui, che consolidò l’espansione Inca sconfiggendo Pincos e Huaris.

L’apice dell’Impero Inca

Nel frattempo, Pachacútec era impegnato nella realizzazione di ambiziose opere di ingegneria nella capitale, nonché nella ricostruzione del Tempio del Sole. Divenuto monumento durante il suo regno e da allora ribattezzato Coricancha, il Tempio dell’Oro. Chiamato da alcuni come il Carlo Magno mesoamericano, Pachacútec morì lasciando l’Impero Inca al culmine del suo splendore e consegnando il testimone a suo figlio Túpac Yupanqui, che aveva associato al trono negli ultimi anni del suo regno.

Tuttavia, l’età d’oro di Tahuantinsuyo sarebbe stata di breve durata, presto lo splendore si trasformò in decadenza. Alla fine del XV secolo, tuttavia, c’erano ancora giorni di gloria per l’Impero grazie alla spinta e all’impegno dell’ultimo grande Sapa Inca.

Perché la torre di Pisa è storta?

Huayna Cápac, che ereditò il trono di Túpac Yupanqui nel 1488 e combatté come un leone per consolidare e perfino aumentare le conquiste fatte dal nonno e dal padre. Fu determinato durante buona parte del suo regno a sedare le innumerevoli ribellioni che proliferavano nei sempre più vasti territori dell’Impero.

Il nuovo monarca portò le armi Inca a Cajamarca e Quito, dove stabilì la sua residenza, fondando una seconda capitale amministrativa. Mentre intraprendeva ambiziose opere pubbliche, non riuscì a fermare le eccessive ambizioni e la sempre più aggressiva rivalità tra le famiglie nobili dei due centri di potere, Cuzco e Tumibamba (Quito). In definitiva uno dei fattori di disintegrazione che spiegano l’imminente e clamoroso crollo del Tahuantinsuyo.

Inizio della crisi

Nel 1529 Huayna Capac fu costretto a mobilitare un colossale esercito di duecentomila unità per sradicare una volta per tutte le incessanti ribellioni che devastavano l’Impero. Nella campagna, il Sapa Inca fu accompagnato dai suoi due figli, Ninan Cuyuchi, suo erede designato e Atahualpa. Una strana e insolita epidemia pose fine prematuramente alla vita del monarca; probabilmente morbillo o vaiolo, introdotto nella regione dai conquistatori spagnoli.

Ninan Cuyuchi lo seguì presto, scatenando una sanguinosa guerra civile tra i due fratelli sopravvissuti. Atahualpa, preferito dai signori della guerra, mentre Huáscar, sostenuto dalla nobiltà di Cuzco. All’inizio fu Huáscar a prendere il comando, mentre Atahualpa si accontentava della carica di governatore di Quito. Ben presto divenne chiaro che il sostegno dell’esercito e il controllo strategico delle rotte del nord mettevano Atahualpa in netto vantaggio su suo fratello.

Scoppia la guerra civile

Scoppiò allora la guerra fratricida, che secondo alcune cronache durò anni, secondo altri si risolse in un’unica battaglia. In ogni caso, Atahualpa impose la superiorità delle sue schiere annientando i sostenitori del fratello.

Ma il nuovo Sapa Inca non ha avuto il tempo di assaporare la vittoria. Appena conquistata, dovette occuparsi di una faccenda della massima urgenza. Il monarca dovette recarsi a Cajamarca per vedere di persona gli strani uomini barbuti di cui i messaggeri portarono notizia.

L’arrivo dei conquistadores spagnoli: Francisco Pizarro

L’Impero Inca era in una posizione di massima vulnerabilità quando Francisco Pizarro, insieme ai suoi quattro fratelli e comandando una spedizione di centosessantotto uomini, irruppe sulla scena assetato di oro e gloria. Atahualpa, pronto a risolvere l’intrusione il prima possibile, accettò di incontrare Francisco Pizarro a Cajamarca, dove rimase vittima di una trappola.francisco pizarro

Circondato dai suoi nemici, il Sapa Inca si rifiutò di rinunciare al paganesimo e di abbracciare la religione cristiana. Dopo un’accesa discussione con gli spagnoli, la cosa scatenò un massacro che lasciò una scia di quattromila cadaveri tra gli Incas. Atahualpa fu fatto prigioniero e giustiziato per strangolamento poco dopo nella Plaza de Cajamarca, dopo essersi convertito con la forza al cristianesimo.

Il Tahuantinsuyo, nonostante gli sforzi di riorganizzazione da parte dei sostenitori di Huáscar, fu ferito a morte. Francisco Pizarro successivamente conquisto Cuzco, divenendo di fatto governatore di tutto il territorio. I giorni di gloria dell’Impero Inca giunsero così a una drammatica fine.

L’eredità della civiltà Inca

Gli Inca si distinsero non solo per la grandezza del loro Impero e per la loro straordinaria ascesa politico-militare nell’area andina. La loro eredità è quella di una civiltà straordinariamente sviluppata ed enormemente avanzata. Astronomi d’eccezione, la loro vita era interamente condizionata dal culto del Sole. Tipico di una civiltà agricola per la quale la previsione meticolosa delle stagioni di semina e raccolta era vitale per la sopravvivenza. Erano perfettamente in grado di prevedere le eclissi e il tessuto urbano di Cuzco imitava le costellazioni celesti.

Conoscevano il cielo in dettaglio e svilupparono un sofisticato calendario lunare per le feste religiose e un calendario solare per l’agricoltura. Inoltre, costruirono numerosi osservatori ed edifici astronomicamente allineati. Il più famoso è di quelli conservati, l’Intihuatana di Machu Picchu.civiltà inca

Questa ossessione per il cielo e l’agricoltura si rifletteva pienamente nel mondo delle credenze religiose. Divinità come Inti (il dio Sole), Mama Quilla (la Luna) e Pachamama (Madre Terra) brillavano di luce propria.

Era anche una religione in cui gli oracoli avevano un’importanza capitale, poiché era attraverso questi e attraverso la mediazione dei sacerdoti che gli dei comunicavano con gli uomini.

La complessità del mondo della scienza e delle idee si rifletteva nella struttura politica dell’Impero. Il modello di Stato era concepito come una monarchia teocratica, fortemente gerarchica, che ruotava attorno alla figura del Sapa Inca, al quale un’origine divina.

Ma il monarca non era solo quando prendeva decisioni: aveva la saggezza del Consiglio Imperiale, composto da tutti i governatori locali, il principe ereditario, il Willaq Umu (sommo sacerdote), un Amauta (incaricato dell’educazione dei figli dei Sapa Inca) e il generale dell’esercito imperiale. Il governo di ogni regione (Suyo) cadde nelle mani di un Suyuyuc Apu, che in pratica aveva i poteri di un viceré. Questo solido edificio istituzionale resistette stabile per secoli, fino a quando l’arrivo di Francisco Pizarro e i suoi sodali, causarono il crollo e la scomparsa della civiltà Inca.

 

Più popolari