Agricoltura biologica e quali sono i vantaggi

agricoltura bio

L’agricoltura biologica si prende cura dell’ambiente, rispettando i tempi della terra. Riconoscere il marchio bio.

Cos’è l’agricoltura biologica?

L’agricoltura biologica è un sistema agrario il cui obiettivo è ottenere cibi biologici e prodotti biologici di alta qualità, rispettando l’ambiente e conservando la fertilità della terra attraverso l’uso ottimale delle risorse naturali. Per poter mangiare bio, si utilizzano metodi di coltivazione biologici e meccanici, evitando prodotti chimici di sintesi. Ne risulta un raccolto di cibi biologici di prima scelta a marchio bio.

L’agricoltura biologica si differenzia dagli altri sistemi di produzione agricola per diversi aspetti:

La fertilità e l’attività biologica del suolo è preservata attraverso la coltivazione di leguminose, sovescio e piante da profonde radici, seguendo un programma annuale di rotazione colturale. In questo modo si riduce l’erosione idrica del suolo, si fissa l’azoto atmosferico e si suppone un apporto di sostanza organica al suolo.

Compost e materia organica: l’elemento che ci fa mangiare bio.

Questa misura può essere integrata incorporando letame proveniente da allevamenti biologici e materia organica trasformata in compost o senza trasformarla nel suolo. Questo metodo di concimazione, consente di ottenere la reale denominazione di cibi biologici (DOP). Riconoscibili dal marchio bio.

Se con questi sistemi non si è ancora raggiunta un’adeguata nutrizione delle piante, possono essere incorporati concimi minerali organici o naturali poco solubili che non sono ottenuti per sintesi chimica.

La protezione delle piante contro parassiti e malattie passa attraverso:

  • selezione di specie e varietà naturalmente resistenti;
  • l’applicazione di programmi di rotazione delle colture;
  • l’uso di mezzi meccanici di coltivazione;
  • erbacce brucianti e la protezione dei nemici naturali dei parassiti, come la conservazione di siepi o nidi.

Il periodo minimo per convertire una parcella dall’agricoltura convenzionale al biologico è di due anni per le colture annuali e tre per le colture perenni.

Che impatto ha l’agricoltura nell’ecosistema?

L’agricoltura è una delle attività economiche più inquinanti, in quanto colpisce sia l’atmosfera che il suolo o l’acqua. L’agricoltura convenzionale è una delle principali cause di perdita di biodiversità. Genera altri impatti indesiderati aumentando l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo con l’uso di sostanze chimiche che a loro volta comportano rischi per la salute.

La previsione dell’ONU

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), nel 2050 ci saranno più di 9.5 miliardi di esseri umani sul pianeta. Questo richiede la produzione di molto cibo anche se non tanto sarebbe necessario se si riducesse lo spreco di cibo.

Perché scegliere biologico?

Attualmente, l’agricoltura biologica attinge alle buone pratiche agricole del passato. Questo ha dato vita alle innovazioni tecnologiche legate all’agricoltura intelligente. Di conseguenza alle moderne conoscenze sulla fertilizzazione del suolo o sulla gestione dei parassiti.

A differenza dell’agricoltura tradizionale, per poter mangiare bio, l’agricoltura biologica considera il suolo come un ambiente di vita.

L’agricoltura biologica, si impegna per la diversità delle colture, rendendo così più ricco il territorio. Si sfruttano maggiormente le risorse e ciascuna delle varietà funge anche da protettore per le altre. Si genera così costante e nuova biodiversità.

Tempi di coltivazione:

I tempi di coltivazione dei cibi biologici sono rispettati, senza forzarli, affinché si possano avere frutti che abbiano tutto il sapore e le sostanze nutritive che ci si aspetta.

Non vengono utilizzati prodotti chimici. Questo perché è dimostrato che quando viene rispettata la biodiversità, la terra ha un proprio meccanismo di difesa. Si utilizzano solo fertilizzanti naturali, come compost o letame animale.

Mangiare bio: qualità

Si cerca il mantenimento della qualità dell’acqua, cosa che non sarebbe possibile, se si utilizzassero prodotti chimici o si utilizzasse più acqua del necessario.

Coltivare la terra in questo modo, offre benefici sia per l’ambiente che per l’uomo, garantendo così la continuità della produzione alimentare naturale.

pomodori bio

Perché scegliere cibi biologici?

  • Mangiare frutta e verdura di stagione bio, rende i prodotti biologici più gustosi, più nutrienti ed economici. In fase di acquisto è bene controllare il marchio bio.
  • Si hanno tutte le garanzie che i cibi biologici, non danneggiano la tua salute, poiché non contengono pesticidi.
  • Scommettendo su questo tipo di agricoltura biologica, si vanno a  sostenere anche le piccole aziende agricole e, quindi, lo sviluppo delle aree rurali, così importante per poter continuare ad avere il cibo migliore.
  • Riduce l’eccesso di cibo, poiché si coltiva solo ciò che è necessario, e allo stesso tempo si utilizza meglio la terra, poiché è dimostrato che l’agricoltura biologica, nello stesso spazio, è in grado di produrre fino al 30% in più di cibo rispetto a quella tradizionale.
  • Gli effetti del cambiamento climatico, vengono mitigati non sfruttando eccessivamente la terra o utilizzando prodotti che potrebbero danneggiarla.

Come riconoscere i prodotti biologici?

Molte volte non sappiamo se un prodotto è davvero ecologico o dobbiamo fidarci di chi ce lo vende.

In questo senso l’Unione Europea istituisce un sigillo di garanzia, il logo ecologico, (marchio bio) che si applica a tutti i prodotti ufficialmente certificati, come biologici da un organismo o un’agenzia di controllo autorizzato.

cibi biologici

L’Unione Europea investe nell’agricoltura biologica

Tra gli Stati membri dell’Unione Europea, ci sono grandi differenze tra gli spazi attualmente occupati da campi dedicati all’agricoltura biologica. Questa quantità va dallo 0,5% al 25%.

Per assottigliare il gap esistente fra gli Stati membri, il 25 marzo 2021, la Commissione Europea ha definito un Piano d’azione per lo sviluppo della produzione biologica. attraverso il quale spera di aumentare questa cifra al 25%.

Gli obiettivi dell’agricoltura biologica

Secondo questa stessa organizzazione, gli obiettivi dell’agricoltura biologica sono:

  • L’uso responsabile dell’energia e delle risorse naturali.
  • Il mantenimento della biodiversità e del benessere animale.
  • Conservazione degli equilibri ecologici regionali.
  • Il miglioramento della fertilità del suolo e della qualità dell’acqua.

Agricoltura biologica

Nasce dalle idee del botanico inglese Sir Albert Howard (1873-1947, che sviluppò una parte importante della sua carriera in India.

Nel suo libro An Agricultural Testament, Howard espone le basi dell’agricoltura biologica. Evidenzia i suoli sani per migliorare le colture, uso di coperture permanenti e sfruttamento razionale delle risorse locali.

Per Howard, la conservazione della fertilità del suolo è la prima condizione di qualsiasi sistema permanente di agricoltura. Inoltre, forma un tutto indivisibile con la salute delle piante, degli animali e degli esseri umani.

Agricoltura biodinamica

Questa forma di agricoltura è stata creata nel 1924 dal filosofo tedesco Rudolf Steiner (1861-1925), sulla base di un movimento spirituale fondato anche da lui, l’antroposofia.

Uno dei suoi assi centrali è l’idea dell’organismo-fattoria. Il principio si basa sul capire la fattoria come un essere vivente in cui ogni organo interagisce con gli altri a beneficio del tutto e del cosmo.

Una delle particolarità di questa scuola è che utilizza la posizione delle stelle per elaborare calendari agricoli.

Agricoltura naturale

Influenzato dal concetto taoista di wu wei, il biologo giapponese Masanobu Fukuoka (1913-2008) ha ideato questa corrente agricola basata sul non intervento.

Fukuoka era guidato da principi come non lavorare la terra, non usare fertilizzanti, fertilizzanti o pesticidi, non strappare erbacce o non potare.

Secondo questo modello, se la natura ha saputo svilupparsi da sola fin dall’inizio dei tempi. L’intervento umano non fa che ostacolare quella crescita naturale e genera lavoro inutile per l’agricoltore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.